Pasticcio n.61 – Fagottini ai fichi

Dopo che mi hanno trovato l’intolleranza al lievito, allo zucchero e alle uova è stato veramente arduo mangiare le cose che mi piacciono tanto come dolci e pizza…. Ma ho trovato una valida alternativa usando la pasta sfoglia.

Ultimamente la uso come base per la pizza e ci sto facendo tante cose carine che presto vi illustrerò.

L’altra sera mi era presa voglia di qualcosa di dolce … allora in quattro e quattr otto ho messo su questi dolcetti.

Ingredienti per 6 persone normali (o 3 golose o 2 golosissime) insomma …

Ingredienti per 6 dolcetti:

6 fichi piccoli e sodi – 6 cucchiaini di miele – un rotolo di pasta sfoglia quadrata – nocciole sgusciate

 

Accendete il forno a 180°, mentre si scalda,  sbucciate i fichi e metteteli in un piattino.

Ricoprite ogni fico con un cucchiaino di miele.

Tritate finemente le nocciole.

Tagliate la pasta sfoglia in 6 quadrati.

Al centro di ogni quadratino mettete il fico e ricoprite con la granella di nocciole.

Chiudete la pasta sfoglia, prima attaccando insieme gli angoli opposti del quadratino e poi dando la forma di un fagottino… io avrei sperato che i fagottini avessero la forma del fico, ma non sono venuti proprio come speravo, magari voi avete più manualità di me.

In forno per 10 – 12 minuti circa, cmq fino a quando la pasta sfoglia non è dorata e gonfia.

Buonissimi appena sfornati ma buoni anche il giorno dopo.

Se volete potete dare una spolverata finale con lo zucchero a velo.

Annunci

Pasticcio n. 60 – Panna cotta al caffè con salsa al cioccolato fondente e caffè

Vedo…

Prevedo …

Stravedo …

Dopo l’ondata infinita e non ancora finita di muffins, prevedo che questo blog sarà invaso da una serie di panne cotte, di ogni genere e tipologia.

Dopotutto è uno dei pochi dolci che posso mangiare, dato che non contiene uova, non contiene lievito e che lo zucchero può essere sostituito con il fruttosio.

 

Ingredienti per 6 persone:

Per la panna cotta: 500 ml di panna fresca – 150 ml di caffé –  65 gr di fruttosio – 2 fogli di gelatina

Per la salsa: 80 ml di caffé –  100 gr di cioccolato fondente

Prima di tutto fate il caffé, 150 ml corrispondono circa a 2 tazzine e ½.

In un piccolo pentolino mettete la panna, il fruttosio e il caffé.

Mescolate e mettete sul fuoco.

Intanto mettete la gelatina ad ammorbidire in una tazza con dell’acqua fredda.

Appena il composto di panna inizia a sobbollire unitevi la gelatina ammorbidita.

Mescolate fino al completo scioglimento e mettete nelle formine da crem caramel. Mi raccomando, come già precedentemente detto, attenzione a gli stampini che usate, io l’altra volta le avevo messe dentro ai ciotolini da pinzimonio perché avevano una forma così carina, ma tirarle fuori è stata un’impresa. Questa volta ho usato le apposite formine in alluminio.

Lasciate raffreddare e tenete in frigorifero almeno 3 ore.

Poco prima di servire la panna cotta, mettete a sciogliere il cioccolato con il caffé. Sarebbe meglio farlo a bagnomaria ma se avete fretta potete usare il microonde, un minutino alla minima potenza e mescolate bene.

Potete fare una bella decorazione sulla panna cotta o semplicemente ricoprirla.

Pasticcio n. 59 – Mini penne con fagiolini serpente, feta, prosciutto e mais

Un primo, fresco fresco, da mangiare con questo caldo che ci sta facendo evaporare! E’ piovuto 5 minuti e ora fa ancora più caldo.

 

Ingredienti per 4 persone:

250 gr di mini penne – 300 gr di fagiolini serpente – 300 gr di feta – 140 gr di mais – 80 gr di prosciutto cotto in una sola fetta –  olio – sale

Prima di tutto spuntate i fagiolini, lavateli e lessateli in acqua bollente salata.

Tagliate il prosciutto cotto e la feta a cubetti.

Mettete a cuocere le penne.

Una volta cotta la pasta, scolatela e datele una rapida passata sotto l’acqua fredda in modo da fermare la cottura.

Conditela con un filo d’olio, i fagiolini, il prosciutto cotto, il mais e la feta.

Aggiungete un altro filo d’olio e buon appetito.

 

Pasticcio n. 58 – American pie alle pesche cotogne

L’altro giorno, Giampi, il babbo di Giannino ci ha chiesto se avremmo voluto un po’ di pesche perché in questi giorni sarebbe andato dal contadino a coglierle. Ovviamente gli abbiamo detto di si… inavvertitamente…

Inavvertitamente perché ci ha portato una quantità inverosimile di pesche cotogne. Buonissime ma sufficienti per sfamare un esercito, quindi andava trovata una soluzione rapida prima che deperissero e tempo di fare la marmellata non ne avevo proprio.

Ho guardato un po’ di ricettine su internet e ho pensato di fare la classica torta di mele americana ma con le pesche al posto delle mele.

Non è venuta molto bella però il sapore è delizioso.

 

Ingredienti per l’impasto:

300 gr di farina – 100 di burro – 50 gr di fruttosio – 50 ml di acqua ghiaccita

Ingredienti per il ripieno:

700 gr di pesche cotogne – 40 gr di fruttosio – 2 cucchiai di marmellata di lamponi

In una ciotola mettete la farina, il fruttosio, il burro ammorbidito (ammorbidito non sciolto) e l’acqua. Lavorate l’impasto, la consistenza sarà molto simile alla pasta frolla.

Avvolgete l’impasto con la pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Nel frattempo lavate bene le pesche, snocciolatele e tagliatele a piccoli pezzi.

Metteteli in una pirofila con lo zucchero, il fruttosio e la marmellata di lamponi; mescolate bene e lasciate insaporire il tutto.

Trascorso il tempo necessario, togliete l’impasto dal frigorifero, tagliatelo a metà e mettetelo sulla spianatoia ben infarinata.

Tiratelo con il matterello, delicatamente e attenzione che tenderà ad attaccarsi.

Lo confesso, con questi tipi di impasti, io sono negata e c’è voluto tutto il mio sangue freddo.

Imburrate bene uno stampo da crostata e foderatelo con la pasta che avete tirato, per aiutarvi a spostare la pasta dalla spianatoia alla teglia potete aiutarvi con il matterello.

Una volta foderata la teglia con la pasta, metteteci dentro le pesche.

Tirate la pasta rimasta e mettetela a copertura. Sigillate bene i bordi della pasta, potete fare anche una sorta di decoro con l’aiuto di una forchetta.

Incidete la pasta in modo dar far fuoriuscire in cottura il vapore e far diventare croccante la pasta.

Mettete in forno, 15 minuti a 200° e poi altri 45 minuti a 180.

Pasticcio n. 57 – Dolcetti alle ciliegie

Questo è un dolcetto semplice e leggero, per chi come me anche con questo caldo non rinuncia ad assaporare qualcosa di dolce.

Sono molto leggeri per la presenza della frutta e l’assenza di grassi.

Ingredienti per 6 dolcetti:

100 gr di farina – 1 uovo – 200 gr di ciliegie – 50 gr di fruttosio – 100 gr di yogurt magro – ½ bustina di lievito per dolci

La preparazione è simile a quella dei cup cake ma l’aspetto è più simile ai muffins … li ho chiamati semplicemente dolcetti perché mi sono inventata il tutto.

Prima di tutto lavate le ciliegie, snocciolatele e tagliatele in 4 spicchi.

In una ciotola mettete l’uovo e il fruttosio, montate il tutto con una frusta elettrica fino a quando il composto è gonfio, chiaro, bello spumoso.

Aggiungete lo yogurt e continuate a montare. Io ho utilizzato lo yogurt bianco perché in casa avevo solo quello ma credo ci starebbe bene anche uno agli agrumi o all’ananas, eviterei lo yogurt alla ciliegia… mi sembra che abbia un sapore così strano.

Quando il tutto è ben amalgamato incorporate la farina e il lievito setacciati.

Mescolate bene e aggiungete le ciliegie.

Mettete nei pirottini da muffin, in forno a 170° per 20 minuti. Una volta cotti lasciateli raffreddare nel forno semi aperto.

10.000!!!

 

DIECIMILAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA VISITE!!!!

Quando ho aperto questo blog mai e poi mai avrei pensato di raggiungere questo risultato… invece 10000!!!!!!

Diecimila grazie a chi è capitato qui per caso, a chi è capitato qui per caso e poi è tornato, a chi mi segue abitualmente e in particolar modo a chi mi dice che si rilassa e si diverte a leggere i miei pasticci e le mie “bischerate”.

Grazie grazie grazie

Pasticcio n. 56 – Tiramisù ai frutti di bosco

Ecco! Ancora dolci con la frutta. Ed è solo l’inizio!

Ingredienti per 2 coppe:

1 uovo – 30 gr di fruttosio – 50 gr di mascarpone – 50 gr di philadelphia– 200 gr di frutti di bosco – il succo di ½ limone

Lavate accuratamente i frutti di bosco, conditeli con il succo di limone e 10 gr di fruttosio. Io ci ho messo anche qualche ciliegia. Se usate le ciliegie, mi raccomando abbiate l’accortezza di snocciolarle. Comunque con questo tiramisù ci sta bene tutta la frutta estiva.

Separate il tuorlo dall’albume e rimettete l’albume in frigorifero.

Lavorate bene il tuorlo con 10 gr di fruttosio fino ad avere un composto chiaro e spumoso.

In una ciotola unite il mascarpone, la philadelphia e 10 gr di fruttosio, quando è bello cremoso, amalgamate con il composto di uova.

Tirate fuori dal frigorifero l’albume, aggiungete un pizzico di sale e montate a neve ben ferma.

Unite le chiare montate a neve al composto di uova e mascarpone, poco alla volta, mescolando delicatamente dall’alto verso il basso, per non smontare il composto.

Prendete le coppette: partite con uno strato di frutta (vi consiglio di sgocciolarla un po’), uno strato di crema, uno strato di frutta e ancora crema.

A me entravano solo questi strati ma potete anche farne di più.

Finite con lo strato alla crema. Conservate in frigorifero fino al momento di servire. All’ultimo momento potete decorare con un po’ di frutta.

Voci precedenti più vecchie